Consigliati

Scaffali, quale scegliere? Ecco la guida di GiordanoShop

Scaffali

Scaffali: elemento decorativo, che impreziosisce le quattro mura di casa e gli uffici. Funzionali, dalle linee sobrie a quelle più futuristiche, sono un valido aiuto per riporre oggetti di ogni tipo. Tutti li affiggono alle pareti. C’è chi li trasforma in librerie, chi in mobiletti per la tv. Molti li adibiscono a ripostiglio o a vano porta oggetti. Nessuno saprebbe farne a meno.

Scaffali: guida alla scelta

Scaffali: i modelli sono molteplici. Il discrimine è uno solo: lo stile d’arredo. Scegli la destinazione d’uso. Puoi collocarli ovunque tu voglia. Tra le quattro mura domestiche, gli scaffali, essendo un elemento versatile, sono fondamentali in ogni stanza: cucina, bagno, living e zona notte. La funzione cambia e si declina soprattutto in base all’ambiente:

  • Scaffali in cucina: una soluzione salva spazio, sempre utile. Parola di esperti e di casalinghi. Puoi adibirli a vano porta detersivi o a dispensa vera e propria, dove conservare ortaggi e frutta di stagione. Puoi trasformare gli scaffali in mensole, su cui disporre piatti, tazze bicchieri. Lasciati ispirare dalla fantasia;
  • Scaffali in soggiorno: una soluzione per separare le aree del living. Non più semplice mobile contenitore, diventa un gioiellino di design multifunzionale e versatile. Colloca la tv, i libri o pile di dvd. Sei tu a scegliere;
  • Scaffali in camera da letto: uno scrigno a vista dove custodire o esporre gli oggetti più cari. Puoi trasformare gli scaffali in vano guardaroba. Qual è il segreto? Colloca da un’estremità all’altra dei fili appendi grucce. Adibisci gli scaffali in un angolo relax: una toiletta con specchio a vista. E poi c’è il classico che non tramonta mai: il mobiletto della tv anche in camera da letto;
  • Scaffali in bagno: un’oasi di benessere. Riponi spazzola, phon, saponi e bagno schiuma, ma anche asciugamani e salviette. Gioca con gli spazi, ancorando al muro, vari ripiani. Disponili, come se volessi disegnare una scala. Gli scaffali si trasformano in tanti beauty- case, scrigni di bellezza sospesi, al pari di vere e proprie mensole salva-spazio. Avrai tutto a portata di mano. Una soluzione, quella appena descritta, ideale per i mini appartamenti e per i bagni stretti o di piccole-medie superfici. La bellezza, in questo caso più che mai, vive nella cura dei dettagli.

Scaffali: materiali e tipologie

Gli scaffali sono un elemento d’arredo per antonomasia. Tutti li conoscono e tutti, in casa, ne hanno almeno un paio. Di solito, oltre che per la destinazione d’uso, si distinguono per la fattura, le dimensioni, il colore, la forma e soprattutto per i materiali. Da sempre i più noti e versatili sono gli scaffali in legno: un classico intramontabile, un must che ben si coniuga ai vari stile d’arredo, sia vintage con echi chabby-chic e marinari, sia moderni. Dalle linee più semplici e minimal sono invece gli scaffali in acciaio e in metallo, ideali per un ambiente dall’area urban e industriale, cosmopolita. C’è poi il cartongesso, che si afferma sul mercato come un’alternativa, sempre più valida, al classico legno massello, complice la tecnologia. E tu quale scegli?

  • Scaffali in legno sono il best-seller: un classico senza tempo, che tutti apprezzano. Estremamente versatili, di solito abbinati a cassetti, ante a battente o scorrevoli, sono protagonisti della zona giorno, tanto in cucina quando nel living. Trasformali in librerie, mobiletti per la tv, dispense in base alla destinazione d’uso. Gli eventuali inserti e frontali in vetro o ceramica li renderanno un complemento d’arredo sofisticato, oltre che funzionale;
  • Scaffali in cartongesso da tempo si confermano una valida alternativo al legno. Il prezzo è più esiguo, ma la qualità non viene meno. Semplicemente è un altro prodotto, che prevede un trattamento differente, per quanto concerne ad esempio la manutenzione. Altrettanto duttile, puoi collocarli in cucina: trasformali in dispense, rivestendoli con carta vetrata, tessuti e vernici ad hoc;
  • Scaffali in metallo: li chiamano anche “scaffali a bulloni“, in virtù della peculiare morfologia. Più resistenti e robusti, a prova di umidità e sporcizia, come già detto, ben si addicono ad un ambiente dallo stile urban-industrial, dal carattere contemporaneo. Facili da pulire, hanno costi di manutenzione più bassi, rispetto agli scaffali in legno e cartongesso. Puoi collocarli in cantina, in veranda e persino in bagno: saranno moderne dispense, dove riporre vecchi utensili o mensole futuristiche su cui esibire i prodotti di bellezza.

Scaffali: dove comprare scaffali?

Gli scaffali componibili, infine, sono la migliore soluzione d’arredo salva-spazio, grazie ad una peculiarità: la struttura modulabile. Facili da montare, senza ruote, hanno ripiani regolabili: puoi cambiarne la disposizione e modularne persino le dimensioni. Colloca gli scaffali componibili ovunque tu voglia!

Dove comprare scaffali? Scopri e trovi qui gli scaffali che preferisci.