Consigliati

Cosa sono le cucine funzionali e quali le caratteristiche

Esistono diversi modi di preparare un pasto. Così come esistono anche diversi stili di cucina. Sì, proprio di cucina. E non parliamo del classico design moderno o vintage. Parliamo proprio di struttura e di ciò che serve per rendere unica quest’area della casa.

In questo approfondimento parleremo delle cucine funzionali. Non ne hai mai sentito parlare? Probabilmente sarà proprio così. E, quindi, è necessario che tu legga la guida che ti abbiamo preparato.

Buona lettura!

Cosa sono le cucine funzionali

Le cucine funzionali fanno il paio con gli alimenti funzionali. In pratica, la cucina funzionale è una cucina che mette al centro la funzione del singolo alimento. Che, per intenderci, ci porta un certo benessere psico-fisico.

Ti è ancora tutto poco chiaro? Beh, forse un esempio potrebbe esserti d’aiuto. Mettiamo che tu abbia delle verdure e, quindi, le vuoi riscaldare. Devi scegliere la cottura più adatta, no?

Ecco, con la cucina funzionale avrai la certezza che, comunque, la cottura non sarà troppo elevate. Il motivo? Se la verdura si riscalda troppo, perché gran parte dei principi nutritivi.

Inoltre, la cucina funziona completa fa sì che la conservazione di questi alimenti avvenga nel miglior modo possibile. Provando, anche, ad associare gli alimenti che si abbinano meglio tra loro.

Insomma, la cucina funzionale è una scelta di vita che mette al centro la salute della persona. Perché, è bene non dimenticarlo, è dal cibo che dipende, anche, come ci sentiamo.

Quali sono le caratteristiche principali

Le caratteristiche della cucina funzionale sono poche ma molto ben precise. Innanzitutto è una cucina molto minimal. Questa non è affatto un’accezione negativa, anzi. Tutt’altro.

Qui si intende, infatti, che nelle cucine funzionali si trova l’essenziale. Quello che serve, appunto, per valorizzare al meglio i piatti che hai deciso di preparare.

Senza tanti fronzoli. Ciò non significa che sia brutta. Semplicemente che l’estetica, come in tutte le cose, ha un valore, ovviamente. Ma in questo caso è ‘leggermente’ al di sotto, per quanto concerne l’utilizzo, delle specifiche che dovrà avere.

Oggi di cucine funzionali se ne trovano di diversi tipi. E sicuramente ci sarà anche quella adatta al tuo stile. Il design è quello moderno e tutto ha un filo logico e geometrico però ti assicuriamo che ce ne sono molte davvero belle.

Inoltre, una delle caratteristiche che hanno è quella di essere molto ariose. Infatti, sono ‘aperte’ e dispongono di tanti metri quadrati liberi. Non ti senti oppresso ma, anzi, hai tutto lo spazio perfino di farti una piccola passeggiata.

Certo, il tutto dipende anche dai metri quadrati disponibili che ci sono in generale nell’abitazione. In proporzione, però, lo spazio occupato non è tantissimo. A patto di fare un’allocazione efficace degli spazi stessi.

Come progettare una cucina funzionale

La progettazione di una cucina funzionale è relativamente semplice. Perché, come in quasi tutte le cose, ‘less is more’. E vale anche in questo caso. Significa che non bisogna riempirla di elettrodomestici e quant’altro.

Ma, anzi, va messo il minimo indispensabile. Quindi prima di tutto la scelta va fatta a monte. Nel senso di chiederti quali oggetti e prodotti vuoi avere con te. Ovviamente, ci sono degli alimenti che di per sé sono funzionali allo stato di salute psicologico e fisico.

Però, con tutte le intolleranze alimentari che ci sono in questo periodo – dal lattosio al glutine -, è praticamente impossibile dare ‘formule’ magiche adatte a tutti.

La via, però, resta sempre la stessa: progettare un ambiente che esalti, appunto, la cucina funzionale che hai deciso di installare. Così da prenderne tutti i vantaggi che ne derivano. E, come hai potuto vedere, non sono affatto da scartare rispetto alle cucine tradizionali.