Consigliati

Piante finte: cosa sono e quali i vantaggi che offrono

piante finte

Con la tutela dell’ambiente sempre messa in primo piano, stanno avendo un grande successo le piante finte. Il motivo è presto detto: si tratta di un elemento d’arredo che porta con sé innumerevoli vantaggi.

Ovviamente, le piante artificiali devono essere di un certo tipo, altrimenti si rischia l’effetto opposto. Cioè, praticamente, quella di avere una pianta artificiale che ‘peggiora’ l’ambiente circostante.

Sia in termini di estetica che di qualità. Adesso vediamo tutto ciò che riguarda le piante sintetiche.

Cosa si intende per piante finte?

Partiamo dall’inizio. Quando si parla di piante ornamentali finte spesso si pensa a un prodotto di serie B. Quasi come se fosse un qualcosa di evitabile. In realtà, le piante finte interni sono la soluzione migliore per chi non ha tempo né voglia di curare il proprio giardino.

Infatti, sono lì e sembrano quasi vere. Anzi, a livello di colorazione e tonalità non hanno nulla da invidiare al ‘vero’ verde. Va da sé che stiamo parlando di piante finte verdi di qualità. In caso contrario, se punti solo al risparmio, potrai notare come ‘stonino’ rispetto al luogo in cui le poggi.

Ma quali sono i materiali per prende delle piante artificiale di una certa qualità? Continua a leggere per saperne di più.

I materiali con cui vengono realizzate le piante finte

I materiali che compongono le piante verdi finte possono essere delle più varie. Ci sono quelle maggiormente diffuse come le piante plastica, che hanno il vantaggio di costare poco (ma sui prezzi approfondiremo nel prossimo paragrafo) e che mantengono la lucidità per diverso tempo.

Se vuoi qualcosa di più sofisticato, puoi trovare piante finte prodotte in tessuto. Naturale o sintetico, ci sono grosse differenze a livello qualitativo. Anzi, la caratteristica è quella di mescolare più materiali, come il legno e il bambù. Come puoi immaginare, piante artificiali di questo tipo devono essere realizzate con la massima attenzione. Altrimenti l’effetto ‘finto’ si nota subito ed è davvero brutto.

Se hai poco budget, puoi optare per piante ornamentali finte in PVC. Queste ultime, però, richiedono una manodopera continua e in relativamente breve tempo danno già i segni del tempo. Perché tendono a scolorirsi o, comunque, a rompersi con estrema facilità.

Quali sono i vantaggi delle piante finte?

Il primo vantaggio riguarda il costo. Le piante artificiali prezzi sono davvero molto bassi. Quindi, con pochi euro, puoi costruirti un vero e proprio orto. Che, in alcuni casi, non ha nulla da invidiare a quello ‘vero’.

Un altro vantaggio è il tempo. Rispetto alla flora autentica, le piante finte ornamentali non hanno bisogno di acqua o di assistenza continua. Con il tempo ci può stare che possano perdere di colore. Ma è un processo irreversibile che non dipende dalla cura che ci metti ogni giorno.

Come, per esempio, capita per le piante ‘vere’. Un altro aspetto molto interessante riguarda anche i costi aggiuntivi. Le piante verdi artificiali, infatti, una volta che le hai acquistate sono lì e basta.

Invece, se vuoi coltivare una pianta, dovrai acquistare i prodotti giusti e curarla con acqua. Se non hai il pollice verde, insomma, le cose si complicano. A meno che, appunto, tu non scelta delle piante artificiali. Non devi neppure attendere troppo. Le dimensioni, infatti, puoi sceglierle a priori.

Vuoi piante finte grandi? Le acquisti direttamente così. Le vuoi più piccole? Allora opti per il modello giusto per te. Le piante sintetiche, quindi, sono un buon compromesso tra cui vuole dare un po’ di ‘green’ al proprio orto. Ma, all’opposto, non ha nessuna voglia di mettersi lì a curare il proprio giardino. Provare per credere e avere tutti i vantaggi del caso.