Consigliati

Wc singoli, ecco come sceglierli con la guida di GiordanoShop

wc singoli

Stai ristrutturando il bagno oppure hai deciso di rifarlo completamente daccapo? Uno dei primi prodotti da acquistare sono sicuramente dei wc singoli. Un tempo la scelta era molto semplice da fare perché non c’erano molte varianti. Oggi, invece, non è più così: sul mercato sono presenti diverse versioni innovative che sono adatte anche a esigenze specifiche. Ovviamente, anche i prezzi dei water possono cambiare e ci sono vari range di costi, a seconda di ciò che si preferisce. Andiamo a vedere, quindi, le varie tipologie di wc singoli che puoi scegliere per il tuo bagno.

Wc singoli: le varie tipologie

Esistono vari tipi di gabinetto, che si caratterizzano per alcune peculiarità che trovi solo in quei modelli specifici. Generalmente, tra i wc sospesi che approfondirai a breve, si considerano anche gli orinatoi. Nelle case private difficilmente ne trovi uno ma nei locali sono molto diffusi.

Wc singoli: piedistallo piantato a terra

La prima versione di wc singoli è quella con piedistallo piantato a terra. È il gabinetto più economico nonché quello più diffuso. Lo trovi in gran parte delle abitazioni e lo scarico è predisposto del pavimento o nella parete, a seconda della casa o di ciò che è più comodo per te.

Wc singoli: sospeso

La seconda, invece, è il vaso wc cosiddetto ‘sospeso’. È chiamato in questo modo perché non ha alcun appoggio a terra e presenta numerosi vantaggi, spesso sottovalutati. Oltre a essere più belli esteticamente, occupano meno spazio (ed è un fattore non da poco, soprattutto se disponi di un bagno piccolo) e permettono di valorizzare tutta la pavimentazione. Se hai speso molti soldi per mattonelle nuove e vuoi mostrarle, ti conviene optare per questa tipologia di wc singoli. I vantaggi non terminano qui. Non essendo piantati a terra, tu non devi usare alcun strumento per poter ancorarlo e il tuo pavimento non si deteriora con il tempo. Devi sapere, infatti, che alcuni materiali, come il silicone, possono creare delle macchie difficilmente cancellabili. Inoltre, sono anche comodi da pulire poiché non presentano insenature fastidiose. Ma come si installano? Semplicemente, si creano dei punti di ancoraggio al muro. Tutto molto semplice.

Wc singoli: il bagno turco

La terza e ultima versione è il bagno turco. Anche questa tipologia non è semplice trovarla nelle abitazioni (mentre negli spazi pubblici è molto più diffusa) e consiste nel gabinetto praticamente appiattito a terra, senza possibilità di sederti. Sono dotati di un collettore di scarico e hanno un buco centrale abbastanza grande, oltre a due pedane leggermente rialzate per poggiare i piedi. Ti sembrerà strano ma, anche se in Italia non si preferisce questo genere di gabinetto, in realtà alcuni studi avrebbero dimostrato che il bagno turco ti garantisce una posizione più comoda rispetto a quella classica seduta.

Wc singoli: la brida

La brida di un bagno non è altro che il bordo del gabinetto e, oggi, ci sono due versioni di wc singoli riguardanti la che è necessario approfondire. Questo perché la brida viene utilizzata per avere una differente modalità di scarico. Andiamo a vedere i dettagli

Wc singoli con brida

I wc singoli con brida erano un tempo quelli più utilizzati. Infatti, avevano un bordo chiuso con dei piccoli forellini tutto intorno a esso da cui, poi, scaturiva l’acqua. Questo sistema ha un duplice aspetto, positivo e negativo. Quello positivo è che l’acqua difficilmente uscirà fuori dal water mentre quello negativo è che il consumo è elevato non avendo la possibilità di razionalizzare la fuoriuscita dell’acqua stessa.

Wc singoli senza brida

I wc singoli senza brida sono i più diffusi attualmente perché, sembrerà strano a vederlo, ma ti permette di consumare meno acqua rispetto alla versione con brida. Anche qui, c’è un duplice aspetto, positivo e negativo. Quello positivo è che puoi raggiungere anche gli angoli più nascosti del water, quello negativo è che l’acqua potrebbe fuoriuscire dal gabinetto.