Consigliati

Termosifone elettrico a olio: i consumi

Il termosifone elettrico a olio rappresenta una risorsa pratica ed efficace durante il periodo invernale: ma quali sono i consumi? Scopriamolo insieme!

Cos’è un termosifone elettrico a olio

Un termosifone elettrico a olio presenta una struttura in metallo, composto da elementi che richiamano la forma di un classico termosifone vecchio stile. Il suo utilizzo avviene attraverso l’energia elettrica e dunque, per funzionare, ha bisogno di una semplice presa della corrente.
All’accensione del radiatore, la resistenza interna scalda un circuito al cui interno vi è l’olio. Quest’ultimo elemento liquido assimila la temperatura trasmettendola agli elementi in metallo: in questo modo, viene irradiato il calore all’ambiente.
Generalmente, ogni prodotto presenta un termostato ambientale per automatizzare l’accensione e lo spegnimento una volta raggiunta la temperatura impostata.
Insomma, è un termosifone a tutti gli effetti, ma funziona con energia elettrica.

In commercio esistono svariate tipologie di termosifoni: numero di elementi e quantità di Watt sono le discriminanti. Ovviamente, maggiore è il numero di elementi con cui è composto un termosifone e maggiore è la quantità di Watt, maggiore sarà la potenza di riscaldamento del termosifone in sé.

Vantaggi del termosifone elettrico a olio

È bene sapere che un termosifone elettrico a olio è consigliato per riscaldare stanze di piccole dimensioni. Vi è troppa dispersione di calore negli ambienti troppo grandi. Dunque, quali sono i vantaggi?

Praticità

Non è richiesto alcun tipo di installazione prima di utilizzare un termosifone elettrico a olio e si può collocare con estrema facilità ovunque nella casa. Infatti, sono generalmente dotati di semplici rotelle che permettono uno spostamento pratico e istantaneo.

Resistenza nel tempo

Un termosifone elettrico a olio ha una struttura ed una consistenza di materiali che resiste davvero a lungo nel tempo. Inoltre, non necessita di alcun tipo di manutenzione.

Riscaldamento aggiuntivo

Elementi di riscaldamento di questo tipo sono pensati come aggiunta ai sistemi di riscaldamento classici: nei periodi più freddi dell’anno, possono essere degli ottimi alleati nelle stanze della casa in cui il riscaldamento dell’impianto principale non è abbastanza efficace. Sono anche indicati da utilizzare durante le prime serate invernali in cui il riscaldamento condominiale non è ancora acceso.

Ambienti poco frequentati

Questi termosifoni sono perfetti in tutti quegli ambienti della casa in cui si trascorre poco tempo e non c’è intenzione di installare un impianto di riscaldamento fisso. Basti pensare ai lavori di fai da te o di bricolage che magari svolgiamo in cantina. O, ancora, si possono portare con facilità nella casa vacanza, dove non sempre sono presenti impianti di riscaldamento autonomo.

Prezzo di un termosifone elettrico a olio

Il prezzo di un semplice radiatore varia a seconda del modello che si sceglie: facendo una media, ci si aggira sui 50€ per un termosifone a 6 elementi e sui 90€ per uno a 13 elementi.

In commercio esistono anche prodotti dotati di optional oppure di uno stile di design molto più accurato. Oltre al termostato ambientale, vi sono dei termosifoni che presentano sistemi di ventilazione (per diffondere più velocemente il calore), timer di spegnimento programmato o semplicemente sono più facili da trasportare. Come ci si immagina, prodotti del genere hanno prezzi ben più alti.

Consumi termosifone elettrico a olio

Per scoprire quanto consuma un termosifone elettrico c’è bisogno di tenere conto di molti fattori come le peculiarità del prodotto, dell’ambiente che si vuole riscaldare, dall’edificio e anche della posizione geografica. Ma guardiamoli nel dettaglio:

  • Termostato del termosifone: è la caratteristica più incisiva di questi dispositivi. Va da sé che un termostato che controlla la temperatura dell’ambiente in modo più assiduo svilupperà consumi decisamente più bassi. Grazie alla determinazione di periodi di spegnimento più lunghi, si ridurrà lo spreco di energia.
  • Spazio dell’ambiente: quanti metri quadri misura la superficie da riscaldare.
  • Isolamento termico dell’edificio: qual è la capacità di trattenere il calore prodotto dal radiatore? Questo fattore dipende dall’efficienza degli infissi, dei vetri e delle pareti perimetrali: maggiore è la capacità di non far infiltrare l’aria fredda, maggiore sarà l’isolamento.
  • Esposizione solare: per quanto tempo il nostro ambiente viene battuto dal sole.

Anche il tempo necessario a raggiungere la temperatura comfort dell’ambiente (20°/22°) incide sul consumo finale di un radiatore elettrico.

 

Opinioni sul termosifone elettrico

Raccogliendo le opinioni sui radiatore elettrico, si evince che l’unica pecca che presentano questi dispositivi è il costo dell’energia elettrica. Sono infatti prodotti molto comodi e facili da utilizzare, e non inquinano in modo diretto. Scegliere di utilizzare un termosifone elettrico a olio come riscaldamento primario non può trascurare l’ottimo isolamento termico di cui ha bisogno l’edificio.

 

Accorgimenti nell’utilizzo

È bene ricordare di non coprire mai il termosifone elettrico. Pensare di asciugare indumenti sul radiatore è una pessima idea in quanto potrebbe portare addirittura ad una combustione del capo.
Utilizza un contenitore di terracotta contenente acqua per evitare che l’aria della stanza diventi troppo secca. Spesso si sceglie di agganciarlo direttamente su uno degli elementi del termosifone per rendere l’operazione il più efficiente possibile.

[product catid=”576″ limit=”12″ blockname=”Stufe a Olio” template=”catalog/product/list_featured_slider.phtml”]