Consigliati

Sedia scrivania, come sceglierla anche in base ai materiali

Sedia Scrivania

È innegabile. Anche chi fa una vita mediamente sportiva, o che fa un lavoro in cui è alzato, trascorre molto tempo sulla sedia per scrivania. Perché, oggi, il mondo è notevolmente cambiato. Qualsiasi cosa si fa al PC (o allo smartphone): dal gioco al lavoro, passando per vedere semplicemente un film in streaming.

Proprio per questo, quindi, in commercio ci sono varie sedie per scrivanie, differenti per tipologie e materiali utilizzati. Già, ma come scegliere quella che fa al caso tuo? In questo approfondimento, ti daremo alcuni consigli utili.

In modo da farti ordinare la sedia per scrivania più adatta a te.

Sedia scrivania, come sceglierla per il proprio ufficio?

Le sedie scrivanie sono uno strumento utilissimo per chi trascorre tante ore al PC. E deve avere delle caratteristiche imprescindibili. Il primo aspetto è l’ergonomia. In questo modo il corpo non si affatica troppo (perché sì, ti affatichi anche stando tante ore seduto) e non ti alzi con i dolori di schiena.

A parte, questo, inoltre, è necessario che le sedie per scrivania siano anche regolabili. In altezza e in larghezza. Per il primo punto, infatti, è fondamentale avere uno schienale regolabile. È impensabile, a tal proposito, mantenere la stessa postura per tutte le ore in cui sei al PC. E, allo stesso tempo, è necessario che quella postura sia corretta.

Per il secondo punto, invece, qualsiasi sedia per scrivania che si rispetti debba avere dei braccioli regolabili. Braccioli che devono estendersi avanti o indietro, a seconda ciò che è più comodo per te.

Non è solo questo. La comodità è anche quando puoi regolare le sedie per scrivanie da seduto. Anche mentre stai facendo altro. Ad esempio, i modelli più innovatici hanno dei bottoni che, se premuti, ti permettono di regolare al meglio schienale e braccioli. Senza avere la necessità di alzarti.

Chiudiamo questo approfondimento con un altro aspetto: la regolazione delle profondità. Non tutte le sedie per scrivania hanno questa opzione. Si tratta, per intenderci, della possibilità di regolare avanti e indietro il sedile. Tenendo però fermo lo schienale. Questo perché cambiare posizione di tanto in tanto può essere un’ottima soluzione.

Ovviamente, ma ormai lo diamo per scontato, una sedia per scrivania che si rispetti deve avere le ruote per poter girare a 360°. Ma, ormai, questa funzionalità è presente in tutte le tipologie.

Sedia scrivania, quali sono i materiali per realizzarla

La sedia scrivania può essere realizzata con materiali diversi. E, spesso, sono proprio questi a dare più o meno valore ad alcune funzionalità. Ad esempio, la pelle (o eco pelle) ha il vantaggio di garantire una morbidezza unica. E, se tenuta in un certo modo, fa sì che tu possa stare diverso tempo a giocare, senza sentire troppa fatica.

Le sedie per scrivania di questo tipo, però, hanno il piccolo svantaggio di rovinarsi relativamente entro breve tempo. Per ovviare a questa soluzione, c’è il legno. Un materiale che ha caratteristiche completamente opposte.

Una sedia per scrivania in legno, infatti, è altamente resistente anche se presenta una forte rigidità. Tra le altre cose è anche semplice da pulire. Difficilmente la polvere si annida tra le angolature del legno. Quindi, ti basta semplicemente passare un panno e tutta la polvere andrà via. Se poi dovesse esserci una macchia, basta semplicemente che quel panno sia umido.

Il legno, inoltre, non si deforma facilmente e, anzi, mantiene la stessa struttura per diverso tempo. È la motivazione principale per cui le trovi in particolare negli uffici o, comunque, nell’amministrazione delle aziende.

Se hai bisogno, quindi, trova subito qui le tue sedie per scrivania (e se fai una ricerca su Google, ricorda che non si scrive ‘sedie x scrivania‘!)